Contro la pedagogia, qualsiasi pedagogia

Martedì 3 agosto ore 19:30
“Contro la pedagogia, qualsiasi pedagogia”
Riflessioni di un individualista anarchico sul tema dell’educazione,
della scuola e degli orientamenti pedagogici e libertari. Ed. Nero Abisso

Presentazione a cura dell’autore

A seguire BRANKO MALACARNE, pank demenziale

Biblioteca anarchica disordine, via delle anime 2/b Lecce
disordine@riseup.net
disordine.noblogs.org

Pubblicato in General | Lascia un commento

Nuovi titoli in distribuzione

  • n’Dréa, Medicina maledetta ed assassina, ed. ACRATI, 2021, pag. 56, € 2,50;
  • Alfredo M. Bonanno, A mano armata (terza edizione), ed. Anarchismo, 2021, pag. 332, € 15;
  • Anarchici di Bialystock 1903-1908, ed. Bandiera Nera, 2021, pag. 251, € 10;
  • Varkarides. I battellieri. Il gruppo nichilista di Salonicco 1898-1903, ed. Biblioteca anarchica Sabot, 2021, pag. 56, € 7;
  • Konrad Bayer, La pietra filosofale, ed. Gratis, 2021, pag. 38, € 3;
  • AA. VV., Propaganda. DCetergente del pensiero critico, ed. Gratis, 2021, pag. 242, € 12,50;
  • Misato Toda, Anarchismo in Giappone. Scritti scelti, ed. Centro Studi Libertari “Louise Michel”, 2021, pag, 79, € 5;
  • La guerra di classe in Spagna: 1973. Gangsters o rivoluzionari?, ed. Archivio di Documentazione “Franco Di Gioia” / Spazio Anarchico “Lunanera” / Sa Kàvuna / Monte Bove, 2021, pag. 86, € 5;
  • Jean Barrué, L’anarchismo oggi. Saggio di un anarchico sulle idee libertarie e il movimento operaio, ed. La Fiaccola, 1974, pag. 148, € 4;
  • Michail Bakunin, Organizzazione anarchica e lotta armata (lettera a uno svedese), ed. La Rivolta, 1978, pag. 118, € 5;
  • George Balkanski, Gli anarchici nella rivoluzione bulgara, ed. La Fiaccola, 1981, pag. 207, € 7;
  • Eugenio Battistini, Contro il “Manifesto” di Karl Marx, ed. La Rivolta, pag. 68, € 5;
  • Pino Bertelli, Glauber Rocha. Cinema in utopia. Dall’estetica della fame all’estetica della libertà, ed. La Fiaccola, 2002, pag. 223, € 13;
  • Pino Bertelli, Guy-E. Debord. Il cinema è morto, ed. La Fiaccola, 2005, pag. 261, € 15;
  • Pino Bertelli, Cinema e anarchia III. Nell’età della falsificazione e del conformismo sociale (1992-1998), ed. La Fiaccola, 1998, pag. 210, € 13;
  • Enrico Ferri, Studi su Stirner. L’Unico e la filosofia dell’Egoismo, ed. La Fiaccola, 2021, pag. 252, € 21;
  • Cristiano Gilardi, Arte & educazione. Visioni e pratiche antiautoritarie, 2016, pag. 122, € 13;
  • Petr Kropotkin, L’etica, ed. La Fiaccola, 1990, pag. 312, € 9;
  • Errico Malatesta, Al caffè. Discutendo di rivoluzione e anarchia, ed. CDA / La Fiaccola, 1978, pag. 120, € 5;
  • Pierino Marazzani, La chiesa che tortura. Dalle origini all’età contemporanea, ed. La Fiaccola, 2009, pag. 200, € 14;
  • Livio Marchese, «Né in tera, né in mare, né in cielo». Il cinema randagio di Sergio Citti, ed. La Fiaccola, 2009, pag. 272, € 18;
  • Pierre Méric, La Comune libera, ed. Altamurgia / La Fiaccola, 1981, pag. 99, € 5;
  • Lorenzo Micheli, Il maquis dimenticato. La lunga resistenza degli anarchici spagnoli, ed. La Fiaccola, 2015, pag. 79, € 10;
  • Abel Paz, Durruti e la rivoluzione spagnola, ed. La Fiaccola / BFS / Zero in condotta, 2010, pag. 655, € 25;
  • Marco Piracci, Cyborg. Perché diventiamo ogni giorno più simili alle macchine e come l’istituzione scolastica contribuisce a traghettarci verso l’Homo post-human, ed. La Fiaccola, 2020, pag. 87, € 10;
  • Emilia Rensi, Di contestazione in contestazione, ed. La Fiaccola, 1971, pag. 145, € 5;
  • Antonio Téllez Solà, Sabaté. La guerriglia urbana in Spagna (1945-1960), ed. La Fiaccola, 2005, pag. 303, € 20;
  • Emma Goldman, Amore emancipazione. Tre saggi sulla questione della donna, ed. Ipazia, 1976, pag. 61, € 4;
  • Alfredo Cospito e molti altri, Quale Internazionale?, ed. Monte Bove, 2021, pag. 296, € 5;
  • Jean-Pierre Garnier, Smart city. La “città radiosa” nell’era digitale, 2019, pag. 37, € 3,50;
  • Tom 2.0, Benvenuti a smart city (che non è intelligente e non è una città), 2021, pag. 46, € 3,50;
  • Jean Vigo, Zero in condotta, 2021, pag. 181, € 12;
  • Contro la pedagogia, qualsiasi pedagogia. Riflessioni di un individualista anarchico sul tema dell’educazione, della scuola e degli orientamenti pedagogici libertari, ed. Nero Abisso, s. d., pag. 27, € 3;
  • Max Stirner e la filosofia dell’insurrezione: uno strumento in più per l’approccio a L’Unico e la sua proprietà, ed. Nero Abisso, s. d., pag. 78, € 3;
  • Gustavo Rodriguez, Da qualche parte nel mondo. Lettera ad un cileno, ed. Nero Abisso, 2020, pag. 45, € 3;
  • Giuseppe Bucalo, DIzionARIO antipsichiatrico. Esplorazioni e viaggi attraverso la follia, ed. Sicilia Punto L, 2006, pag. pag. 131, € 5;
  • Giuseppe Bucalo, Dietro ogni scemo c’è un villaggio. Itinerari per fare a meno della psichiatria, ed. Sicilia Punto L, 2002, pag. pag. 125, € 5,20;
  • Michela Zucca, Donne delinquenti. Storie di streghe, eretiche, ribelli, bandite, tarantolate, ed. Tabor, 2021, pag. 368, € 13;
  • Joan Busquets Vergés, Il semplice. Un guerrigliero anarchico racconta, ed. Zero in condotta, 2021, pag. 251, € 15;
  • Emma Goldman, Un sogno infranto. Russia 1917, ed. Zero in condotta, 2017, pag. 114, € 10;
  • Louise Michel, Presa di possesso, ed. Zero in condotta, 2021, pag. 79, € 7;
  • Eulàlia Vega, Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche in Spagna (1931-1975), ed. Zero in condotta, 2010, pag. 318, € 20;
  • 5G & energia: i buchi nella rete. Fra sineddochi e paradossis. e., 2021, pag. 44, € 3;
  • Caligine n°2. Parole al negativo tra le fosche tinte della realtà, primavera – estate 2021, pag. 40, € 4;
  • Nega-Zine n°5, ed. Anarchismo, 2021, pag. 61, € 5;
  • Vetriolo n°6. Giornale anarchico, estate 2021, pag. 16 + Inserto pag. 20, € 2 + 2;
Pubblicato in General | Lascia un commento

Chi costruisce prigioni, chi costruisce libertà!

“Chi costruisce prigioni s’esprime meno bene di chi costruisce la libertà”, affermava un poeta anarchico alcuni decenni fa. E la lingua in effetti, intesa come espressione di un mondo, è una questione centrale in questo periodo, sebbene in maniera inversa a quella riconosciuta dal poeta; chi costruisce prigioni sta affermando un pensiero unico dominante, mentre chi vuole costruire libertà è costretto all’angolo, come spesso accade, del resto. Hanno iniziato con il confinamento per tutti, poi è arrivato il coprifuoco; ora l’attacco è diretto verso chi non è vaccinato, a cui verranno tolte le pur minime libertà se non si convince a farlo. Ciò che fa più paura è il plauso della zona grigia, e cioè la maggioranza dei cittadini, soprattutto di sinistra, convinti che sottrarre libertà sia la strada per risolvere i problemi di tutti. Se non ci si allinea al pensiero unico si è considerati irresponsabili. Non si comprende che l’applicazione di tali misure sarà estesa man mano a tutti, indipendentemente dagli aspetti sanitari: se non si è in regola con quanto prescritto dallo Stato, qualunque cosa essa sia, si verrà esclusi dai servizi e dalla vita sociale.

Eppure le domande si moltiplicano. Perché mai bisognerebbe fidarsi di chi sta usando i corpi di miliardi di persone come cavie per trarne profitto stratosferico e informazioni genetiche? Perché mai bisognerebbe fidarsi di chi ha creato l’emergenza sanitaria: ignorando per anni che essa potesse presentarsi, smantellando la sanità per decenni, territoriale e centralizzata, di fatto creando le condizioni per la morte di molte persone – bisognerebbe ricordarlo quando si viene annebbiati continuamente con i numeri e si dice che le terapie intensive sono al collasso. Perché mai bisognerebbe fidarsi di chi alimenta una guerra permanente, così da gestire in maniera militare ed emergenziale qualsiasi problema si presenti e far accettare qualsiasi abominio? Perché mai bisognerebbe fidarsi di chi sfrutta e devasta il pianeta, di fatto creando le condizioni perché epidemie possano presentarsi? Il salto di specie ha, infatti, una causa ambientale. Perché mai bisognerebbe fidarsi di chi svolge ricerche criminali in laboratorio per aumentare la pericolosità di un virus? Ciò accade e viene consentito nel nome della scienza. Già! Quella scienza padrona del mondo, accettata in maniera fideistica, come un oracolo. Niente dubbi, niente pensiero critico, solo obbedienza. Questo il mondo che si prospetta. Un mondo di schiavi digitalizzati e medicalizzati, senza esperienza, senza autonomia, senza libertà. Incapaci di svolgere qualsiasi attività quotidiana senza l’aiuto o l’imposizione di una macchina, una app, un dispositivo. Laddove non saranno le stesse macchine a sostituire definitivamente l’essere umano, ormai surplus di un’economia e di un mondo governato da processi informatici e dalla paura.

E sia!

Non vi è solo chi costruisce prigioni. Vi è anche chi costruisce libertà. Chi è bandito, escluso, clandestino. Chi difende la propria autonomia, la propria esperienza, la propria cultura, la propria storia. Chi non sarà suddito, schiavo, soldato, chi non sarà un corpo da ricombinare.

Chi continuerà a sabotare questo mondo!

Chi costruisce

Pubblicato in General | Lascia un commento

Contro lo Stato

(…) Farò un breve discorso per cercare di capire perché siamo contro lo Stato. Ma come? La gente pensa che lo Stato siamo noi, siamo tutti! Lo Stato italiano, pensate un po’, ci difende, noi abbiamo un esercito, noi abbiamo frontiere custodite da persone che indossano una divisa. Ma per difenderci da che cosa? Dai nostri amici vicini. Possono questi nostri amici vicini costituire per noi un pericolo? No, che c’entra, non possono costituire per noi un pericolo. E allora che caspita fanno tutti questi uomini in divisa? Per difenderci da che cosa? Da qualche pazzo furioso che viene dalle lontane lande della miseria dove le nostre industrie belliche hanno spedito i loro armamenti, perché si facciano là i massacri. Massacri quotidiani, di donne e bambini, di uomini! Poi loro arrivano qua e ci sparano qualche bombetta tra le gambe. E allora bisogna naturalmente difendersi, lo Stato è questo!

Lo Stato è quella forza disumana che mi permette in questo momento di avvicinarmi a voi attraverso questo strumento che ho nelle mani, che mi aiuta a dire quello che ho in mente. Liberamente. Perché siamo in un Paese libero fino a un certo punto! Perché? Se facciamo l’elenco delle cose che si possono fare e a fianco ci mettiamo l’elenco delle cose che non si possono fare, queste seconde cose sono come numero e come importanza di gran lunga superiori alle prime! Io per esempio non posso entrare in un luogo dove si trovano i soldi, allungare la mano, prenderne una parte che per me è la sopravvivenza e portarmeli fuori. Perché immediatamente fuori dalla porta trovo un uomo in divisa che mi dice: “Fermo!” Hai commesso questo reato, e quindi vieni con me che ti porto in caserma.

Questo è lo Stato! E questa è l’efficienza dello Stato, questo è lo Stato che ci tutela. Fino ad un certo punto amici miei! Ci tutela e ci fa permanere nella nostra condizione di sudditi! Non dimentichiamola questa parola, mai! Sudditi, vuol dire gente che sta sotto, dobbiamo stare sottomessi, persone che non possono alzare la testa! Che non possono definirsi individui! Uomini, donne. No! Sudditi! Guai se qualcuno di questi sudditi dice qualcosa che non va detto! O che non va fatto. Perché evidentemente l’efficienza dello Stato si erge come la testa della medusa e si abbatte sul povero disgraziato. Ma quando invece emergono bisogni urgenti, e quindi esigenze radicali come quelle che viviamo in questi giorni, quando lo Stato dovrebbe fare delle cose essenziali, ecco che queste cose per esempio è inutile che ci prendiamo in giro stiamo parlando della sanità, ecco che improvvisamente queste cose che lo Stato è chiamato ad assolvere, tentennano. Ogni giorno ci sono comunicati, uno diverso dall’altro. Comunicati che vengono emanati senza un minimo di criterio, dai mezzi di informazione e che non hanno senso! Non hanno significato! Perché non sono costituiti su campioni qualificati. Che vuol dire campioni qualificati? Vuol dire che io dico che su 100.000 che hanno fatto i tamponi ci sono stati 20.000 colpiti dal virus, quei 100.000 da che cosa sono costituiti? Che cos’è un numero? 100.000 che vuol dire? Il campione dovrebbe essere selezionato, esso è costituito da tutte le fasce sociali, da tutte le attività sociali, a tutti i livelli d’età, da tutti i livelli sociali che si sono formati via via, e questo sarebbe un metodo che avrebbe un senso. Allora quei 10.000 che sono contagiati, avrebbero un loro significato, 7-800 morti avrebbero un significato. Allora, parliamoci chiaramente, lo Stato non fa il suo mestiere. Non lo fa per tre motivi. Primo, perché non lo sa fare. Perché in effetti lo Stato non sa che fare una cosa sola: la repressione! Secondo: non ci fornisce i dati perché ha paura di fornirceli, qualora riuscisse a fornirceli. Terzo perché i suoi scopi indiretti e non tanto nascosti sono quelli di tenerci nella nostra miseria culturale!

Nella nostra miseria della conoscenza. Noi stiamo perdendo la capacità di capire! La capacità di conoscere! La capacità di studiare! La capacità di approfondire. Questo stiamo perdendo! Ed è questo ciò che lo Stato vuole, per trasformare la società in un insieme di fantasmi acconsenzienti. Per cui qualunque messaggio, qualunque azione, qualunque gesto, qualunque repressione, qualunque massacro realizzato dallo Stato passerebbe inosservato. Ecco quello che gli anarchici questa sera, nonostante la mia voce piuttosto farfallante, cercano di dire: attenzione, guardate sempre con sospetto tutte le azioni che provengono dallo Stato. Tutti i fatti, tutti i provvedimenti, tutto quello che proviene dallo Stato. Sottoponetelo ad una critica, una critica forte e penetrante, finché ne saremo capaci. Grazie.

Intervento di Alfredo M. Bonanno, Trieste, 18 dicembre 2020

CONTRO LO STATO, Comizi anarchici a Trieste, Autunno 2020, Ed. El Rusac

disponibile in vendita e per la consultazione

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Contro lo Stato

Serata benefit anarchici e anarchiche detenuti in Cile

Venerdì 9 luglio ore 19:00

Chiacchierata con una compagna della rete solidarietà
con i prigionieri e prigioniere politici in Cile

Accusati di una serie innumerevole di azioni contro lo Stato e il
Capitale – espropri, attacchi incendiari e dinamitardi, invio di plichi
esplosivi-, negli ultimi anni molti anarchici in Cile sono stati
coinvolti in operazioni repressive e si trovano in carcere, dove
continuano a lottare contro i tentativi di annientamento psico-fisico
posti in essere dalle istituzioni penitenziarie, che agiscono nello
stesso modo, tanto a Santiago quanto a Santa Maria Capua Vetere o a
Lecce.

A seguire alle ore 21:00
Karaoke benefit, bar, distribuzione di stampa anarchica

Biblioteca anarchica disordine, via delle anime 2/b lecce
disordine.riseup.net

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Serata benefit anarchici e anarchiche detenuti in Cile

Fiera dell’editoria anarchica – Pensiero e azione

Tre giorni di diffusione e propaganda delle idee anarchiche. Tre giorni di libri, incontri, presentazioni e discussioni per parlare della storia e dell’attualità del pensiero e dell’azione anarchica, del legame indissolubile che le unisce e della loro capacità di incidere nel mondo nella prospettiva di cambiarlo.

Venerdì 4 giugno
Ore 18.30: Apertura della fiera e degli stand di stampa anarchica
Ore 20: Musica dal vivo con Past&Fasul, tra swing, gipsy, folk e jazz

Sabato 5 giugno
Ore 11: Controllo dei corpi e obbligo vaccinale: una questione non rinviabile
A cura di alcune compagne e discussione.
Ore 13.30: Pranzo
Ore 15.30: Uno sguardo su guerra e frontiere attraverso l’individuazione di alcuni responsabili.
Discussione a partire da: Nemici di ogni frontiera. La lotta contro il Cpt nel Salento, ed. Anarchismo, 2019, a cura di Alcuni nemici di ogni frontiera
Leonardo-Finmeccanica e il militarismo nel tarantino. Una breve ricognizione a cura di alcuni compagni della Masseria Foresta
Ore 17.30: La critica radicale alla società tecno-industriale nel pensiero di Ted J. Kaczynski.
A cura di alcune compagne e discussione
Ore 20: Cena
Ore 21: Musica dal vivo con Pippop, rap hardcore

Domenica 6 giugno
Ore 11: Fuoco! Sangue! Veleno! Patto con la morte. Anarchici a Marsiglia alla fine del XIX secolo, Ed. Indesiderabili, 2020
Presentazione del libro a cura degli editori e discussione
Ore 13.30: Pranzo
Ore 16: Scienza, tecnica e tecnologia invadono sempre più ogni aspetto dell’esistente, tendendo alla realizzazione di un Dominio totale. Che cosa può suggerire tale consapevolezza?
Discussione a più voci con un curatore di Contro lo scientismo. di Pierre Thuillier, S-edizioni, 2020 e alcune redattrici di Chrysaora, rivista anarchica, Chrysaora edizioni.
Ore 20: Cena

Via Silvio Pellico Lecce, traversa di via Taranto
disordine@riseup.net

Sono benvenute le distribuzioni di stampa anarchica e di critica radicale.
A chi viene da lontano, chiediamo di avvisarci con qualche giorno di anticipo per poterci organizzare

 

 

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Fiera dell’editoria anarchica – Pensiero e azione

Patria!

La patria! Divisione arbitraria che separa l’umanità per permettere ai ciarlatani della politica e della finanza, non appena lo esige il loro egoismo, di scagliare i popoli l’uno contro l’altro. Che importa dei cadaveri che giacciono al suolo, più noi versiamo del sangue e migliore sarà il loro raccolto; la rossa rugiada non è forse la più fruttuosa per loro?

La patria! È bella per noi che non abbiamo né soldi, né abiti, per noi che siamo sfruttati ogni giorno da coloro che si riempiono la bocca di questa parola, la patria, soprattutto quando siamo chiamati a difendere nient’altro che i nostri strumenti di tortura.

I possidenti e i governanti non hanno bisogno soltanto della carne da lavoro che gli permette di riempire le loro casseforti, ma anche della carne da macello per difendere la loro proprietà acquisita così bene e allora danno i fucili ai giovani, gli dicono di sparare sia sui loro fratelli di miseria che vivono al di là della frontiera sia sui loro padri e fratelli.

Se cantate sapendo tutto questo, sarete degni dei capi che vi comanderanno con l’insulto sulle labbra e puntandovi contro la spada.

Ma se, nauseati da questo stato di cose, volete come noi il benessere per tutti, vi deciderete a sferzare un colpo dopo l’altro alla società attuale e lotterete al contrario contro questa patria disumana, contro gli sfruttatori e i governanti, contro i vampiri che vivono di questi pregiudizi che costano così tanto sangue, così tanta miseria.

Dalla patria deriva la schiavitù, dal suo crollo nascerà la libertà. Sta a voi scegliere tra rivoluzione e militarismo, tra la dignità e l’avvilimento.

La Jeunesse Révolutionairre (1891)

Fuoco! Sangue! Veleno! Patto con la morte.                                                                    Anarchici a Marsiglia alla fine del XIX secolo, Indesiderabili edizioni, ottobre 2020

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Patria!

Nuovi titoli in distribuzione

Tom 2.0, Benvenuti a smart city (che non è intelligente e non è una città),   ed. Nautilus, 2021, pag. 46, € 3,50

Ciascuno al suo posto, un posto per ciascuno. Qui l’angolo dei bambini, là la pista ciclabile. Qui il prato rasato, là un quadrato di erbe selvatiche. Qui l’angolo “Lavoro”, là lo spazio “Relax”. Questa perfezione calcolata al millimetro, disumana, dà la sensazione di attraversare un villaggio Potëmkin, ma realmente abitato da abitanti Potëmkin.
Per quanto smart vogliano considerarsi, gli Smartiani sono degli assistiti. Assistiti tramite computer. Assistiti dal proletariato asiatico. Assistiti dai sociologi del comportamento. Assistiti dagli ingegneri e dai cyber-poliziotti. Sono uomini-macchina che vivono in una città-macchina all’interno di un mondo-macchina, ma sognano se stessi come liberi pensatori. Non sentono la rete di contenzione che li stringe ogni istante di più.

Raoul Vaneigem, Ritorno alla base, ed. Nautilus, 2021, pag. 30, € 2,50

«Non sapevano che fosse impossibile, allora l’hanno fatto». Questa frase di Mark Twain è ogni giorno più pertinente a mano a mano che si moltiplicano, decrescono e rinascono le insurrezioni planetarie.
Chiunque se ne può accorgere: i conflitti ideologici sono esche. La vera lotta è ovunque gli abitanti di un paese o di un quartiere urbano rifiutano i pesticidi e le nocività, rinnovano l’insegnamento, rimettono in funzione le strutture ospedaliere, affrontano il problema della mobilità, salvano i commerci locali, studiano il passaggio dell’agroalimentare a un’agricoltura rigenerata, aprono centri di accoglienza per quanti subiscono quotidianamente un’oppressione burocratica, economica, familiare, sessista o razzista.

 

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Nuovi titoli in distribuzione

Yves Pagès, Liabeuf l’ammazzasbirri

Un giovane artigiano, abile ciabattino, proletario orgoglioso di sé, s’innamora di una prostituta. I poliziotti della buoncostume lo accusano di esserne il protettore. Sanno di mentire, ma vogliono dare una lezione a quella testa che non si abbassa al loro cospetto. A nulla varranno in tribunale le dichiarazioni della ragazza, del giovane artigiano, di chi lo conosce, nemmeno il suo datore di lavoro sarà creduto. Come sempre accade, per il giudice fa fede la parola dei poliziotti. E condanna il ciabattino. La Società decreta pubblicamente che Jean-Jacques Liabeuf è un volgare magnaccia. Il suo cuore esplode di rabbia per questa umiliazione. Allorché esce di prigione, un solo pensiero prende possesso della sua mente. Non si rivolge all’opinione pubblica, non fa scioperi della fame, non invia lettere di protesta alle autorità competenti, non fa presidi davanti ai tribunali, non si suicida per la vergogna. Ma pianifica la sua terribile vendetta. Si costruisce dei bracciali e dei paraspalle appositi, irti di punte d’acciaio per tenere a bada la stretta degli sbirri (che all’epoca giravano disarmati, contando solo sulla forza dei loro muscoli), si procura un’arma e va a caccia di coloro che hanno calpestato la sua dignità. Non trovandoli, se la prenderà coi loro colleghi. Ovvero con chi ha sicuramente mortificato qualcun altro o, nel migliore dei casi, è quotidianamente complice di simili nefandezze. Sono stati gli sbirri ad averlo immerso nel fango insudiciando il suo amore, sono gli sbirri che lui vuole annegare nel sangue. Ed è quello che farà. Così Liabeuf prova «l’inebriante gioia della vendetta soddisfatta».

136 pages // A5 // 6 euro // ed. Impatience Imprimerie Anarchiste, Marsiglia, 2021

Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Yves Pagès, Liabeuf l’ammazzasbirri

Nuovi titoli in distribuzione

Un po’ di nuovi arrivi e vecchi titoli nuovamente disponibili:

  • AA. VV., Contributi dalla Fiera del Libro Anarchico – Marsiglia 2019,  ed. Imprimerie Anarchiste L’Impatience, 2021, pag. 117, € 4
  • Yves Pagès, Liabeuf. L’ammazzasbirri, ed. Imprimerie Anarchiste L’Impatience, 2021, pag. 133, € 6
  • AA. VV., A stormo! Contro il TAV, il cittadinismo, le delazioni, ed. Indesiderabili, 2015, pag. 111, € 6
  • Giovanni Gavilli – Errico Malatesta, I banditi rossi, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 38, € 3,50
  • Julius Van Daal, Bello come una prigione che brucia, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 58, € 4
  • René Char, Fogli d’Ipnos 1943-1944, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 47, € 3,50
  • Alèssi Dell’Umbria, R.I.P. Jacques Mesrine, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 43, € 3,50
  • Fuoco! Sangue! Veleno! Patto con la morte. Anarchici a Marsiglia alla fine del XIX secolo, ed. Indesiderabili, 2020, pag. 251, € 10
  • Sante Pollastro, La rivolta nell’ergastolo di Santo Stefano, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 18, € 1,50
  • La zampata della vita, ed. Indesiderabili, 2014, pag. 15, € 1,50
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°2, febbraio 1987, pag. 8, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°6, giugno 1987, pag. 12, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°7, settembre 1987, pag. 10, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°8, ottobre 1987, pag. 8, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°17, novembre 1988, pag. 8, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°19, febbraio 1989, pag. 18, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°21, giugno 1989, pag. 20, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°22, novembre 1989, pag. 22, € 1
  • ProvocAzione. Mensile anarchico, n°23, febbraio 1990, pag. 22, € 1
Pubblicato in General | Commenti disabilitati su Nuovi titoli in distribuzione